114° Udienza Generale di Papa Francesco

Fratelli e sorelle salve, scusatemi per il ritardo. Tra un giorno e l’altro non ho avuto possibilità di scrivere due parole su questa prima udienza dell’anno.
Oggi 13 Gennaio il Pontefice vuole farci riflettere su un tema molto vicino a noi e, riferendosi anche all’Anno Giubilare appena iniziato. La catechesi s’intitola:Il Nome di Dio è il Misericordioso”.

Il Papa vuol ricordare una verità splendida che ricorda con queste parole:“Nella Sacra Scrittura, il Signore è presentato come “Dio misericordioso”. È questo il suo nome, attraverso cui Egli ci rivela, per così dire, il suo volto e il suo cuore. Egli stesso, come narra il Libro dell’Esodo, rivelandosi a Mosè si autodefinisce così: «Il Signore, Dio misericordioso e pietoso, lento all’ira e ricco di amore e di fedeltà» (34,6).”
Dio non è cattivo con noi, tutt’altro ci Ama con un’Amore che non possiamo misurare umanamente.
Papa Francesco, vuol ricordarci con un altro pensiero, quanto il Signore è dolce. Leggiamo con attenzione:“Poi è scritto che il Signore è “pietoso”, nel senso che fa grazia, ha compassione e, nella sua grandezza, si china su chi è debole e povero, sempre pronto ad accogliere, a comprendere, a perdonare. È come il padre della parabola riportata dal Vangelo di Luca (cfrLc 15,11-32): un padre che non si chiude nel risentimento per l’abbandono del figlio minore, ma al contrario continua ad aspettarlo – lo ha generato – , e poi gli corre incontro e lo abbraccia, non gli lascia neppure finire la sua confessione – come se gli coprisse la bocca -, tanto è grande l’amore e la gioia per averlo ritrovato; e poi va anche a chiamare il figlio maggiore, che è sdegnato e non vuole far festa, il figlio che è rimasto sempre a casa ma vivendo come un servo più che come un figlio, e pure su di lui il padre si china, lo invita ad entrare, cerca di aprire il suo cuore all’amore, perché nessuno rimanga escluso dalla festa della misericordia. La misericordia è una festa!”
Il Dio Misericordioso è Prezioso per noi tutti, per questo non dobbiamo essere gelosi se Lui vuol Salvare tutti con il Suo Amore, anzi dobbiamo partecipare con Gioia alla festa del fratello o sorella che vediamo risorgere a vita nuova, dopo aver abbracciato e sentito la Presenza di Gesù nel suo cammino terreno.

“Di questo Dio misericordioso è detto anche che è “lento all’ira”, letteralmente, “lungo di respiro”, cioè con il respiro ampio della longanimità e della capacità di sopportare. Dio sa attendere, i suoi tempi non sono quelli impazienti degli uomini; Egli è come il saggio agricoltore che sa aspettare, lascia tempo al buon seme di crescere, malgrado la zizzania (cfr Mt 13,24-30).”: L’essere “lento all’ira”, il Signore vuol farci capire che come Lui possiamo attendere anche noi col dono della pazienza e con la Grazia di Vivere nell’Umiltà, “aspettando che il seme cresca, malgrado la zizzania.”

Fratelli e sorelle, quanto c’è da imparare sapete? Ogni volta che rifletto sulle catechesi papali, c’è sempre da darci un colpo al petto, perché siamo deboli e fragili come le foglie che il vento disperde. Per questo carissimi, rimaniamo attivi ed umili dinanzi al Signore perché c’è tanto da imparare nel nostro cammino spirituale, ogni giorno. Riguardo ciò il Papa vuol farci riflettere su quest’altro pensiero molto speciale:“E infine, il Signore si proclama “grande nell’amore e nella fedeltà”. Com’è bella questa definizione di Dio! Qui c’è tutto. Perché Dio è grande e potente, ma questa grandezza e potenza si dispiegano nell’amarci, noi così piccoli, così incapaci. La parola “amore”, qui utilizzata, indica l’affetto, la grazia, la bontà. Non è l’amore da telenovela.”
L’Amore e la Fede descritta in questo pensiero, non dobbiamo intenderli umanamente, ma in tutt’altro modo. Questi due sentimenti preziosi e santi, bisogna viverli sinceramente. L’amore e la fedeltà umana sono – purtroppo – contaminati dalla zizzania che il maligno ha seminato in noi, per questo non dobbiamo dimenticare che siamo figli di Dio e non di questo mondo passeggero. Come dice giustamente il Pontefice:“Non è l’amore da telenovela”. Combattiamo dunque, vivendo i Santi Sacramenti, troveremo giovo e pace in cuor nostro, attraverso la Presenza del Salvatore.

Riguardo alla fedeltà, il Papa vuol ricordarla con questo pensiero:“La fedeltà di Dio non viene mai meno, perché il Signore è il Custode che, come dice il Salmo, non si addormenta ma vigila continuamente su di noi per portarci alla vita:«Non lascerà vacillare il tuo piede, non si addormenterà il tuo custode. Non si addormenterà, non prenderà sonno il custode d’Israele.» (121,3-4)
Come possiamo dire che Dio non è Fedele con noi? Se non fosse per Lui, che ci ha pensato tutti prima che il mondo fosse, creandoci con tanto Amore. Chiediamogli con umiltà e gioia la Grazia di Perdonarci, portandoci nella Sua Luce, quella Luce che non si spegne mai LA VITA ETERNA.

Coraggio dunque fratelli e sorelle, diamo una svolta concreta al nostro cammino spirituale, seguendo con Gioia e Amore gli Insegnamenti del Signore che ci aspetta con le braccia aperte, perché ha tanta Misericordia verso di noi, nonostante la nostra debolezza umana. “E allora, in questo Giubileo della Misericordia, affidiamoci totalmente a Lui, e sperimentiamo la gioia di essere amati da questo “Dio misericordioso e pietoso, lento all’ira e grande nell’amore e nella fedeltà”.”

Rinnoviamo con Amore e Umiltà, la Fede in Dio Padre Misericordioso, Lui non ci lascerà mai.

Dio ci Benedica e la Mamma ci Protegga.

Pace e Bene
Tony 🙂

______________________________________

Udienza Generale

Annunci

One Comment on “114° Udienza Generale di Papa Francesco”

  1. Paolo Zanni ha detto:

    Ringrazio riconoscente per l’invio di questo messaggio.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...