67° Udienza Generale di Papa Francesco

Amici tutti salve, come state? Spero tutti bene. Io ringraziando sempre il Signore, sto bene. Mi sento Benedetto e Rinnovato ogni giorno, sentendo la Sua Presenza e Guidato dal Suo Amore Prezioso che mi Salva da ogni debolezza umana.
Venendo al tema dell’Udienza oggi il Papa, ci parla della: Santa Madre Chiesa Gerarchica.

Fratelli e sorelle, il Papa inizia con queste parole, dopo aver salutato l’assemblea:“Abbiamo sentito le cose che l’apostolo Paolo dice al vescovo Tito. Ma quante virtù dobbiamo avere, noi vescovi? Abbiamo sentito tutti, no? Non è facile, non è facile, perché noi siamo peccatori. Ma ci affidiamo alla vostra preghiera, perché almeno ci avviciniamo a queste cose che l’apostolo Paolo consiglia a tutti i vescovi. D’accordo? Pregherete per noi?”
Vogliamo stare vicino a tutti i nostri pastori? Beh, allora preghiamo per loro senza stancarci perché hanno bisogno di noi. Anche se abbiamo sempre da dire, la Vergine Madre nei Suoi Messaggi ci chiede di pregare senza fermarci per i nostri pastori, aveno rispetto, perché attraverso di loro Gesù viene nei nostri cuori, come protettore e guida preziosa che ci porta alla Salvezza dell’anima.

Amici tutti, i nostri Vescovi sono successori degli Apostoli che rappresentano il Signore, per questo non dobbiamo criticarli ma aiutarli e pregare per loro. Riguardo ciò il Papa ci ricorda:“Questa maternità della Chiesa si esprime in particolare nella persona del Vescovo e nel suo ministero. Infatti, come Gesù ha scelto gli Apostoli e li ha inviati ad annunciare il Vangelo e a pascere il suo gregge, così i Vescovi, loro successori, sono posti a capo delle comunità cristiane, come garanti della loro fede e come segno vivo della presenza del Signore in mezzo a loro.”

Preghiamo senza stancarci, perché anche noi comprendiamo quanto sia importante il nostro percorso terreno, per poi gioire eternamente insieme a Gesù, nostro Salvatore. Non dobbiamo pensare quindi secondo il mondo. Lo ricorda anche il Papa con queste parole:“L’episcopato non è un’onorificenza, è un servizio. Gesù l’ha voluto così. Non dev’esserci posto nella Chiesa per la mentalità mondana. La mentalità mondana dice: “Quest’uomo ha fatto la carriera ecclesiastica, è diventato vescovo”. No, no, nella Chiesa non deve esserci posto per questa mentalità. L’episcopato è un servizio, non un’onorificenza per vantarsi. Essere Vescovi vuol dire tenere sempre davanti agli occhi l’esempio di Gesù che, come Buon Pastore, è venuto non per essere servito, ma per servire (cfr Mt 20,28; Mc 10,45) e per dare la sua vita per le sue pecore (cfr Gv 10,11).”

Dio chiama ciascuno di noi, prima di tutto nell’essere vicino a Lui, con umiltà e dolcezza vera, non secondo le ideologie mondane, per questo cancelliamo ogni pensiero di questo mondo, perché “NON SIAMO DI QUESTO MONDO.”

Fratelli e sorelle, il Papa vuol ricordarci un’altro prezioso pensiero, eccolo:“C’è un altro elemento prezioso, che merita di essere messo in evidenza. Quando Gesù ha scelto e chiamato gli Apostoli, li ha pensati non separati l’uno dall’altro, ognuno per conto proprio, ma insieme, perché stessero con Lui, uniti, come una sola famiglia. Anche i Vescovi costituiscono un unico collegio, raccolto attorno al Papa, il quale è custode e garante di questa profonda comunione, che stava tanto a cuore a Gesù e ai suoi stessi Apostoli. Com’è bello, allora, quando i Vescovi, con il Papa, esprimono questa collegialità e cercano di essere sempre più e meglio servitori dei fedeli, più servitori nella Chiesa! Lo abbiamo sperimentato recentemente nell’Assemblea del Sinodo sulla famiglia.”
In questo pensiero, il Pontefice, parla della concordia, semplicità, umiltà e famiglia unita che stava tanto a cuore a Gesù e ai suoi stessi Apostoli.

Allora dobbiamo vivere semplicemente, condividendo i nostri pensieri, ma senza sbranarci l’uno verso l’altro, ma con umiltà e affetto fraterno, vivere con dolcezza e amore sincero, come Gesù c’invita ogni giorno nell’essere obbedienti e vicino, l’uno verso l’altro.

Con questi esempi preziosi, che ci portano sereni e gioiosi verso la comprensione vicendevole, vi abbraccio fraternamente.

Dio ci Benedica e la Mamma ci Protegga

Fraternamente
Tony 🙂

______________________________________

Udienza Generale

Annunci

One Comment on “67° Udienza Generale di Papa Francesco”

  1. paolo ha detto:

    Ringrazio per l’invio della 67° Udienza Generale di Papa Francesco


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...