43° Udienza Generale di Papa Francesco

Fratelli e sorelle salve!! Perdonatemi per il ritardo.
Oggi il Papa vuole farci conoscere con parole semplici i “Sette Doni dello Spirito Santo”.
Lui stesso inizia con queste parole, dopo aver salutato l’assemblea radunata in Piazza San Pietro:“Voi sapete che lo Spirito Santo costituisce l’anima, la linfa vitale della Chiesa e di ogni singolo cristiano: è l’Amore di Dio che fa del nostro cuore la sua dimora ed entra in comunione con noi. Lo Spirito Santo sta sempre con noi, sempre è in noi, nel nostro cuore.”

Questo santo dono è molto importante, come gli altri doni. La Sapienza – ci ricorda il il Papa – “Non si tratta semplicemente della saggezza umana, che è frutto della conoscenza e dell’esperienza.”

Noi sapiamo quali frutti può donare questo dono? Se non lo sappiamo, il Papa vuol ricordarcelo così:“La sapienza è proprio questo: è la grazia di poter vedere ogni cosa con gli occhi di Dio. E’ semplicemente questo: è vedere il mondo, vedere le situazioni, le congiunture, i problemi, tutto, con gli occhi di Dio. Questa è la sapienza. Alcune volte noi vediamo le cose secondo il nostro piacere o secondo la situazione del nostro cuore, con amore o con odio, con invidia… No, questo non è l’occhio di Dio. La sapienza è quello che fa lo Spirito Santo in noi affinché noi vediamo tutte le cose con gli occhi di Dio. E’ questo il dono della sapienza.”
Riflettendoci molto profondamente è proprio vero questo pensiero che ha ricordato il Papa
. il più delle volte questo Santo Dono lo vediamo secondo il nostro piacere o secondo la situazione del nostro cuore, con amore o con odio, con invidia… Ma stiamo sbagliando non è così.

Come possiamo ricevere questo prezioso dono? Il Papa lo ricorda con queste parole:“E ovviamente questo deriva dalla intimità con Dio, dal rapporto intimo che noi abbiamo con Dio, dal rapporto di figli con il Padre. E lo Spirito Santo, quando abbiamo questo rapporto, ci dà il dono della sapienza. Quando siamo in comunione con il Signore, lo Spirito Santo è come se trasfigurasse il nostro cuore e gli facesse percepire tutto il suo calore e la sua predilezione.”
Noi che rapporti abbiamo con Dio Padre, lo cerchiamo con la preghiera? Parliamo con Lui come i figli parlano con il padre? La preghiera non è fatta solo di parole che oramai sappiamo a memoria, e a volte dicendole siamo distratti. Vivendo un dialogo con Dio Padre, dicendole i nostri pensieri, offrendoli a Lui ed abbandonarci alla Sua Volontà, rimaniamo più attenti senza distrarci, perché lo Spirito Santo ci trasmette le parole da richiedere a Dio Padre.

“Lo Spirito Santo rende allora il cristiano «sapiente». Questo, però, non nel senso che ha una risposta per ogni cosa, che sa tutto, ma nel senso che «sa» di Dio, sa come agisce Dio, conosce quando una cosa è di Dio e quando non è di Dio; ha questa saggezza che Dio dà ai nostri cuori. Il cuore dell’uomo saggio in questo senso ha il gusto e il sapore di Dio. E quanto è importante che nelle nostre comunità ci siano cristiani così! Tutto in loro parla di Dio e diventa un segno bello e vivo della sua presenza e del suo amore. E questa è una cosa che non possiamo improvvisare, che non possiamo procurarci da noi stessi: è un dono che Dio fa a coloro che si rendono docili allo Spirito Santo.”
Abbiamo compreso che questo dono non viene dato all’improvviso? Come tutti gli altri doni, li riceviamo secondo il nostro cammino spirituale, è un dono che Dio fa a coloro che si rendono docili allo Spirito Santo.”

“Noi abbiamo dentro di noi, nel nostro cuore, lo Spirito Santo; possiamo ascoltarlo, possiamo non ascoltarlo. Se noi ascoltiamo lo Spirito Santo, Lui ci insegna questa via della saggezza, ci regala la saggezza che è vedere con gli occhi di Dio, sentire con le orecchie di Dio, amare con il cuore di Dio, giudicare le cose con il giudizio di Dio. Questa è la sapienza che ci regala lo Spirito Santo, e tutti noi possiamo averla. Soltanto, dobbiamo chiederla allo Spirito Santo.”
Carissimi, noi tutti abbiamo ricevuto lo Spirito Santo nel primo sacramento, ossia il Battesimo, poi c’è stato confermato nel Sacramento della Cresima. Se noi ascoltiamo lo Spirito Santo, Lui ci insegna questa via della saggezza, ci regala la saggezza che è vedere con gli occhi di Dio, sentire con le orecchie di Dio, amare con il cuore di Dio, giudicare le cose con il giudizio di Dio.

Ci sono anche le mamme con tanti problemi – ricorda il Papa – “E quando le mamme si stancano e sgridano i bambini, quella è sapienza? Sgridare i bambini – vi domando – è sapienza? Cosa dite voi: è sapienza o no? No! Invece, quando la mamma prende il bambino e lo rimprovera dolcemente e gli dice: “Questo non si fa, per questo…”, e gli spiega con tanta pazienza, questo è sapienza di Dio? Sì! E’ quello che ci dà lo Spirito Santo nella vita!”
Questo è un’esempio conclusivo che descrive il Papa.

Fratelli e sorelle con grande affetto auguro a tutti voi un sentito e Santo Venerdì Santo.
Il Sacrificio di Gesù, aiuti noi tutti a ritrovare in noi la Speranza e l’Amore Sincero.
Abbracciamo la nostra croce, saremo sempre più forti spiritualmente.

Dio ci Benedica ora e sempre
Tony 🙂

______________________________________

Udienza Generale

Annunci

One Comment on “43° Udienza Generale di Papa Francesco”

  1. paolo ha detto:

    43° Udienza Generale di Papa Francesco. Mi è piaciuta la catechesi sulla Sapienza, dono dello Spirito Santo. grazie


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...