39° Udienza Generale di Papa Francesco

Carissimi amici tutti, buongiorno!!! Oggi ho voluto iniziare con il saluto, simile a quello di Papa Francesco. Vi chiedo perdono se ho tardato nel farvi conoscere la catechesi che il Papa ha detto il mercoledì delle ceneri, l’inizio del Tempo Forte Quaresimale. Il tema infatti, è una paronamica sul Tempo che sta iniziando “La Quaresima”.

Sono quaranta giorni di cammino per guarire interiormente, facendo penitenze e digiuni sinceri. Agendo così riusciremo ad avvicinarci al Signore che ogni giorno si sacrifica nelle Sante Messe, offrendo il Suo Corpo ed il Suo Sangue Innocente, perché anche noi ci uniamo a Lui nel Suo Regno Eterno, ricevendo la Santa Comunione, dopo aver compiuto una Sincera Confessione.

In questo giorno detto delle ceneri, è un primo passo nel riconoscerci deboli e non forti come a volte pensiamo e vogliamo esserlo. Durante la Santa Messa c’è un momento molto importante, quando il Celebrante ci mette le ceneri nella fronte, dicendoci:”Convertiti e Credi al Vangelo”. Questo segno-simbolo è l’invito prezioso del Signore che ci chiama a seguirlo con umiltà, con le nostre debolezze, portando la nostra croce perché Lui ci farà forti interiormente.

“La Quaresima ci prepara a questo momento tanto importante, per questo è un tempo “forte”, un punto di svolta che può favorire in ciascuno di noi il cambiamento, la conversione. Tutti noi abbiamo bisogno di migliorare, di cambiare in meglio. La Quaresima ci aiuta e così usciamo dalle abitudini stanche e dalla pigra assuefazione al male che ci insidia. Nel tempo quaresimale la Chiesa ci rivolge due importanti inviti: prendere più viva consapevolezza dell’opera redentrice di Cristo; vivere con più impegno il proprio Battesimo.”

In questo “Tempo Forte”, attraverso le Letture e le esortazioni che sentiamo da Gesù, Dio ci apre il cuore perché comprendiamo con sincerità quanto Lui ha donato a noi la Sua Vita, così da cambiare idea su ciò che pensavamo fosse:“un Dio che non ascolta le nostre preghiere”, “un Dio che rimane lontano da noi”, “Dove sei Dio, quando sto soffrendo?” e tanti altri pensieri negativi verso di Lui. Questi momenti di scoraggiamento, provengono dal nostro io, perché il maligno vuol distogliere il nostro volto da Gesù stesso che ci ha salvato. A volte Dio permette al “principe di questo mondo” di agire, perché vuol verificare se veramente vogliamo Seguirlo e Crediamo in Lui.
Per questo quando andiamo in Chiesa, o leggiamo le Letture in casa, chiediamo al Signore di svegliarci dalle tenebre che ci avvolgono; quando iniziamo questo percorso, inziamo  “la nostra conversione: essa è la risposta riconoscente al mistero stupendo dell’amore di Dio. Quando noi vediamo questo amore che Dio ha per noi, sentiamo la voglia di avvicinarci a Lui: questa è la conversione.”

Amici, il Papa vuol farci riflettere anche su un’altro dono prezioso:“Vivere fino in fondo il Battesimo – ecco il secondo invito – significa anche non abituarci alle situazioni di degrado e di miseria che incontriamo camminando per le strade delle nostre città e dei nostri paesi. C’è il rischio di accettare passivamente certi comportamenti e di non stupirci di fronte alle tristi realtà che ci circondano.
Quanto è vero cari. Quando leggevo questo pensiero appena inserito, penso quante famiglie, creature piccole o grandi, per diversi motivi si tolgono la vita o uccidono i propri cari. Ogni volta è un dolore forte nei nostri cuori. Ma perché tutto ciò? Ci diamo mille risposte, ma non dobbiamo fare ciò, anzi dobbiamo pregare per chi soffre e per chi si è tolto la vita.
Quando vediamo extra comunitari che cercano di guadagnarsi qualche soldino vendendo di qua e di la, li prendiamo in giro, o a volte li aiutiamo.
Il Papa ci dice riguardo ciò questo pensiero:“Ci abituiamo alla violenza, come se fosse una notizia quotidiana scontata; ci abituiamo a fratelli e sorelle che dormono per strada, che non hanno un tetto per ripararsi. Ci abituiamo ai profughi in cerca di libertà e dignità, che non vengono accolti come si dovrebbe.”
Carissimi tutti, Francesco ci dice anche un’altro pensiero molto importante su cui dobbiamo riflettere tanto, perché purtroppo stiamo perdendo anche le prime cose che s’insegnavano anni fa. Io ho due nipotini dolcissimi, e nel mio piccolo cerco di aiutarli nel farsi il segno della croce.
Negli anni ’40 ho sentito in questi anni di vita, che si era troppo severi, ma adesso si è rovesciato il tutto, Dio sta soffrendo tanto per questo, svegliamoci e facciamo di tutto per insegnare a chi ci sta vicino, il segno della croce e le preghiere più belle che conosciamo: il Padre Nostro, l’Ave Marie ed il Gloria al Padre.
“Ci abituiamo a vivere in una società che pretende di fare a meno di Dio, nella quale i genitori non insegnano più ai figli a pregare né a farsi il segno della croce. Io vi domando: i vostri figli, i vostri bambini sanno farsi il segno della croce? Pensate. I vostri nipoti sanno farsi il segno della croce? Glielo avete insegnato? Pensate e rispondete nel vostro cuore. Sanno pregare il Padre Nostro? Sanno pregare la Madonna con l’Ave Maria? Pensate e rispondetevi. Questa assuefazione a comportamenti non cristiani e di comodo ci narcotizza il cuore!”

Approfittiamo dunque carissimi tutti, per cambiare modo di vivere e pensare. Avviciniamoci al Signore, Lui ci aspetta da tanto tempo. Iniziando con semplicità, vedrete che pian piano cambierà il nostro pensiero su Dio Creatore, su Gesù Salvatore e lo Spirito Santo Consolatore. Il Salvatore entrerà nel nostro cuore, trasformandolo, plasmandolo con tanta dolcezza.
Affidiamo tutto a Dio, Lui sa di cosa abbiamo bisogno.

Vi auguro un Buon Cammino di Conversione!!!!

Dio ci Benedica ora e sempre
Vi abbraccio fraternamente
Tony 🙂

______________________________________

Udienza Generale

Annunci

One Comment on “39° Udienza Generale di Papa Francesco”

  1. paolo ha detto:

    Belle le considerazioni ed i consigli formulati in questa spiegazione del pensiero di Papa Francesco contenuto nella 39° Udienza Generale


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...